Mer09022015

Last updateMar, 01 Set 2015 9pm

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato Si dica apertamente: i morti non ritornano, i familiari si rassegnino

Si dica apertamente: i morti non ritornano, i familiari si rassegnino

lodato-saverio-big4di Saverio Lodato - 28 luglio 2012
Si dica apertamente, una volta per tutte, che la legge non è uguale per tutti.
Si dica apertamente che ci sono cittadini più cittadini degli altri.
Si dica apertamente che Mancino Nicola appartiene al <<club del potere>> e, in quanto tale, ha diritto a un trattamento di favore.

Si dica apertamente che la magistratura, se individua nel corso del suo lavoro, fili istituzionali scoperti, e ad altissima tensione, deve immediatamente battere in ritirata.
Si dica apertamente, una volta per tutte, che mafia e Stato, mafia e istituzioni, mafia e finanza, mafia e servizi segreti, sono altrettante voci di una storia pluridecennale che nessuno può permettersi di guardare da vicino.
Si dica apertamente che la ragion di stato non può conoscere limiti, né di natura penale, né di natura, men che mai, etica.
Si dica apertamente che i morti non ritornano e che i familiari di quei morti farebbero bene a rassegnarsi per sempre.
Si dica apertamente che la politica ha bisogno della mafia come la mafia ha bisogno della politica.
L’avere infatti usato, come fosse una clava mediatica, l’improvvisa morte del consigliere del Quirinale Loris D’Ambrosio, nello scempio del più elementare rispetto del silenzio di fronte al venir meno di una vita umana,  dà la misura del livello di imbarbarimento che può raggiungere lo scontro nel nostro Paese quando la posta in gioco è rappresentata dalla volontà del  pervicace mantenimento di un sistema  di relazioni istituzionali con la mafia, che rischia di essere disvelato dalle indagini della magistratura.
I fatti, per fortuna, hanno la testa dura. I fatti li conoscono tutti gli italiani.   
Per questo, sarebbe ora di dire di dire apertamente, che l’Italia è fatta così, e così deve rimanere.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

                                                                                                            Foto © ACFB

Le recensioni di AntimafiaDuemila

SLURP

SLURP

by Marco Travaglio

Ecco perché l’Italia non è una democrazia compiuta:...

IO SONO PEPPINO

IO SONO PEPPINO

by Simona Della Croce

Peppino Impastato è oggi uno dei personaggi simbolo...


''L'ORA'' DELLE BATTAGLIE

''L'ORA'' DELLE BATTAGLIE

by Stefania Pipitone

La storia di un glorioso giornale siciliano come...

ATTACCO ALL'UCRAINA

ATTACCO ALL'UCRAINA

Un punto di vista fuori dal coro sulla...


LA TERRA BIANCA

LA TERRA BIANCA

by Giulio Milani

Mattina del 17 luglio del 1988. Esplode il...

COLLUSI

COLLUSI

by Nino Di Matteo, Salvo Palazzolo

Da oltre vent’anni Nino Di Matteo è in...


SOLDATESSA DEL CALIFFATO

SOLDATESSA DEL CALIFFATO

by Simone Di Meo, Giuseppe Iannini

Il mondo (sottosopra) del terrorismo islamico visto e...

ANCHE OGGI NON MI HA SPARATO NESSUNO

ANCHE OGGI NON MI HA SPARATO NESSUNO

by Riccardo Arena

Un romanzo per raccontare il presente, far riflettere...


Libri in primo piano

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta