Mer04232014

Last update04:48:33

Back Home Terzo Millennio Crisi 5x1000 e la giusta incazzatura del no profit

5x1000 e la giusta incazzatura del no profit

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

5x1000-mano-webdi Ettore Macchieraldo* - 26 luglio 2012
Non esce molto sui giornali, ma potete trovarne testimonianza sul magazine on-line Vita [1]: è in corso una battaglia tra quello che viene definito terzo settore e il governo Monti. Da una parte si vedono ridotti e eliminati diritti e cancellate promesse, dall'altra si agisce con sistematica freddezza facendo finta di nulla e chiudendosi in un elitario silenzio.

E così anche la spending review si occupa di tagliare al no profit. Infatti prevede la cancellazione degli osservatori nazionali, fra cui quello del volontariato e dell'associazionismo, e addirittura l’articolo 4 del decreto legge impedirebbe la realizzazione di importanti servizi sociali per la comunità [2].

La partita più evidente è però sul 5 per mille. Ogni anno nella dichiarazione dei redditi possiamo indicare una quota (il 5 per mille appunto) da destinare a una specifica associazione o ente che riteniamo meritevole. In realtà questo per mille non è mai stato 5. Ogni anno viene ridotto da tetti imposti in finanziare o manovre. Ed è così anche quest'anno, nonostante le promesse di una stabilizzazione. Vocabolo 'tecnico' per ammettere che si è sempre derubato una quota del versamento che i cittadini destinano come parte delle loro tasse a precise e definite organizzazioni [3].

C'è un annosa polemica, vecchia almeno quanto il movimento operaio. È quella che vede nel volontariato, ma anche nel mutualismo, il rischio di essere complice con il potere, con l'ingiustizia. È un rischio che effettivamente fu realtà. Fece comodo avere un cuscinetto a basso costo per attutire i colpi delle iniquità. Non fu solo così, ma lo era in parte.

Ora ritengo che non lo sia per niente. La reciprocità, il mutuo aiuto sono delle forme di organizzazione che ci porteranno fuori da questa crisi. È stato così in Argentina quando vi fu il crack.

Poteva essere un inferno, la guerra di tutti contro tutti per derubarsi e sopraffarsi a vicenda. Invece avviene il miracolo: la gente capisce che non si vince con l'individualismo, ma con la solidarietà collettiva e si organizza per fare comunità. Nascono le mense di strada, si organizzano gli orti comunitari, si avviano esperienze di baratto, si inventano le monete locali, si strutturano banche del tempo.

Così descrive Francuccio Gesualdi il fenomeno argentino in un libro sulle imprese recuperadas d'Argentina (Lavorare senza padroni, Elvira Corona, Emi).

Se la condizione storica è questa (e lo è) bene fanno gli amici di Vita a denunciare la crudeltà e l'insensatezza dei tagli. Sappiano che non troveranno molti spazi di manovra e di trattativa finché nonj faremo coalizione. Non lobby, pratica diffusa e molto in uso nel terzo settore, ma lavoro di aggregazione, crescita di consapevolezza, definizione di pratiche e di obiettivi.

Questa è una gamba per camminare fuori dal vicolo cieco in cui ci troviamo, altro che spending review.

(26 luglio 2012)

Note:

[1] www.vita.it

[2] Il forum del terzo settore abbandona i tavoli col governo

[3] 5x1000: stop al tetto

* Membro dell'Ufficio Centrale di Alternativa - Alternativa Piemonte

Tratto da:
megachip.info

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Riccardo Guido, Sergio Riccardi

SALVO E LE MAFIE

Salvo, ragazzino palermitano, ...

Alex Zanotelli

SOLDI E VANGELO

Lettura attualizzata e sferzan...

Francesca Viscone

LA GLOBALIZZAZIONE DELLE CATTIVE IDEE

I meridionali sono tutti mafio...

Maria Antonietta Calabrò

LE MANI DELLA MAFIA

Trent'anni di silenzi, mancate...

Luciano Mirone

UN ''SUICIDIO'' DI MAFIA

Viterbo, ore 11:00 del 12 febb...

Paolo De Chiara

IL VELENO DEL MOLISE

Servivano le dichiarazioni del...

Caterina Chinnici

E' COSI' LIEVE IL TUO BACIO SULLA FRONTE

Il 29 luglio 1983 la mafia fa ...

Agnese Piraino Borsellino, Salvo Palazzolo

TI RACCONTERO' TUTTE LE STORIE CHE POTRO'

In quei giorni ero contesa da ...

Pietro Grasso

LEZIONI DI MAFIA

Descrizione di "LEZIONI DI MAF...

Enza Galluccio

IL BOATO

Un percorso storico-politico c...

LIBRI IN PRIMO PIANO

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



assedio-alla-toga-web
Nino Di Matteo e Loris Mazzetti

ASSEDIO ALLA TOGA

Un magistrato tra mafia, politica e Stato



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta