Dom09212014

Last update05:00:09

Back Home Opinioni Società Strage Bologna, non si può far finta di nulla

Strage Bologna, non si può far finta di nulla

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

stragebologna-manif-webdi Giuseppe Giulietti - 26 luglio 2012
“Lasciateli stare, non dategli corda, Gelli e Fioravanti non meritano repliche…”, questo il parere di donne e di uomini che stimiamo, relative alle ultime provocazioni del duo massonico fascista. Per una volta non seguiremo il loro saggio consiglio, perché a nessuno può essere consentito di dileggiare e disprezzare la strage del 2 agosto, la memoria delle vittime, il dolore dei familiari, tanto meno se lo possono permettere questi due figuri.

Non si può tacere perchè se hanno deciso di ridare loro la parola a pochi giorni dalla strage, si voleva e si vuole inquinare le acque alla vigilia della grande manifestazione di Bologna.
Volevano e vogliono bloccare qualsiasi possibilità di proseguire nella ricerca della verità, magari eliminando segreti e riaprendo ” armadi della vergogna”.

In ogni caso qualunque siano le ragioni non si può consentire a Gelli di sghignazzare e di attribuire ad un mozzicone di sigaretta la causa della strage.
Per altro i protagonisti del depistaggio furono tutti ” piccoli fiammiferai” iscritti alla loggia P2, forse sarà il caso che i giudici convochino subito questo incappucciato produttore di tabacco..

Quanto a Fioravanti ha pensato bene di fare dell’ironia su Paolo Bolognesi, presidente dell’associazioni familiari delle vittime , che avrebbe perso solo la suocera, e, come è noto, la suocera ” non è la parente più amata”.
Ci sono battute che non si possono fare, soprattutto non può farle chi è stato coinvolto e condannato per quella strage.
Non ci sono giustificazioni possibili.

Non si tratta di non commentare questi deliri, ma forse bisognerebbe smettere di regalare microfoni a questi signori che hanno tentato di spiantare l’ordinamento democratico e hanno lasciato alle loro spalle una lunga scia di sangue.

Tra pochi giorni sarà il 2 agosto, a Bologna si ritroveranno i familiari delle vittime, sarà il caso di esserci, non solo fisicamente, ma anche simbolicamente, con blog, siti, iniziative, ospitando le voci di chi reclama giustizia e verità, lanciando in rete la campagna ” Il 2 agosto ci sarò”, chiedendo a tutti i media, in primo luogo alla Rai, di promuovere una giornata speciale, di ricostruire quella giornata, di ricordare depistaggi e silenzi, di tutelare una memoria senza la quale verrebbero meno dignità e civiltá.
No, non si può fare finta di nulla.

Tratto da: articolo21.org

* Pubblicato su “Il Fatto Quotidiano”

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Mario Almerighi

LA STORIA SI E' FERMATA

Dai primi anni in magistratura...

Nando dalla Chiesa

MANIFESTO ANTIMAFIA

È ora di mettere a frutto cio...

Alex Corlazzoli

GITA IN PIANURA

Gita in pianura è un libro ch...

Marco Travaglio

E' STATO LA MAFIA

“Perché avvelenarci il fega...

Carlo Ruta

PIO LA TORRE LEGISLATORE CONTRO LA MAFIA

L’impegno parlamentare di Pi...

Giuseppe Casarrubea

PIANTARE UOMINI

Giuseppe Casarrubea ricostruis...

Antonio G. D’Errico

CAMORRA

Un ritratto spietato e crudo d...

Carlo Ruta, Jean-François Gayraud

COLLETTI CRIMINALI

La «mano invisibile», regola...

Salvatore Mugno

QUANDO FALCONE INCONTRÒ LA MAFIA

“Mi sono fatto le ossa a Tra...

Corrado De Rosa

LA MENTE NERA

Aldo Semerari. Tra i più impo...

LIBRI IN PRIMO PIANO

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



assedio-alla-toga-web
Nino Di Matteo e Loris Mazzetti

ASSEDIO ALLA TOGA

Un magistrato tra mafia, politica e Stato



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta