Mer07302014

Last update07:17:26

Back Home Opinioni Società Strage Bologna, non si può far finta di nulla

Strage Bologna, non si può far finta di nulla

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

stragebologna-manif-webdi Giuseppe Giulietti - 26 luglio 2012
“Lasciateli stare, non dategli corda, Gelli e Fioravanti non meritano repliche…”, questo il parere di donne e di uomini che stimiamo, relative alle ultime provocazioni del duo massonico fascista. Per una volta non seguiremo il loro saggio consiglio, perché a nessuno può essere consentito di dileggiare e disprezzare la strage del 2 agosto, la memoria delle vittime, il dolore dei familiari, tanto meno se lo possono permettere questi due figuri.

Non si può tacere perchè se hanno deciso di ridare loro la parola a pochi giorni dalla strage, si voleva e si vuole inquinare le acque alla vigilia della grande manifestazione di Bologna.
Volevano e vogliono bloccare qualsiasi possibilità di proseguire nella ricerca della verità, magari eliminando segreti e riaprendo ” armadi della vergogna”.

In ogni caso qualunque siano le ragioni non si può consentire a Gelli di sghignazzare e di attribuire ad un mozzicone di sigaretta la causa della strage.
Per altro i protagonisti del depistaggio furono tutti ” piccoli fiammiferai” iscritti alla loggia P2, forse sarà il caso che i giudici convochino subito questo incappucciato produttore di tabacco..

Quanto a Fioravanti ha pensato bene di fare dell’ironia su Paolo Bolognesi, presidente dell’associazioni familiari delle vittime , che avrebbe perso solo la suocera, e, come è noto, la suocera ” non è la parente più amata”.
Ci sono battute che non si possono fare, soprattutto non può farle chi è stato coinvolto e condannato per quella strage.
Non ci sono giustificazioni possibili.

Non si tratta di non commentare questi deliri, ma forse bisognerebbe smettere di regalare microfoni a questi signori che hanno tentato di spiantare l’ordinamento democratico e hanno lasciato alle loro spalle una lunga scia di sangue.

Tra pochi giorni sarà il 2 agosto, a Bologna si ritroveranno i familiari delle vittime, sarà il caso di esserci, non solo fisicamente, ma anche simbolicamente, con blog, siti, iniziative, ospitando le voci di chi reclama giustizia e verità, lanciando in rete la campagna ” Il 2 agosto ci sarò”, chiedendo a tutti i media, in primo luogo alla Rai, di promuovere una giornata speciale, di ricostruire quella giornata, di ricordare depistaggi e silenzi, di tutelare una memoria senza la quale verrebbero meno dignità e civiltá.
No, non si può fare finta di nulla.

Tratto da: articolo21.org

* Pubblicato su “Il Fatto Quotidiano”

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Antonio G. D’Errico

CAMORRA

Un ritratto spietato e crudo d...

Carlo Ruta, Jean-François Gayraud

COLLETTI CRIMINALI

La «mano invisibile», regola...

Salvatore Mugno

QUANDO FALCONE INCONTRÒ LA MAFIA

“Mi sono fatto le ossa a Tra...

Corrado De Rosa

LA MENTE NERA

Aldo Semerari. Tra i più impo...

Anna Vinci

LA P2 NEI DIARI SEGRETI DI TINA ANSELMI

"Torniamo ai fatti."  Edmund...

Riccardo Guido, Sergio Riccardi

SALVO E LE MAFIE

Salvo, ragazzino palermitano, ...

Alex Zanotelli

SOLDI E VANGELO

Lettura attualizzata e sferzan...

Francesca Viscone

LA GLOBALIZZAZIONE DELLE CATTIVE IDEE

I meridionali sono tutti mafio...

Maria Antonietta Calabrò

LE MANI DELLA MAFIA

Trent'anni di silenzi, mancate...

Luciano Mirone

UN ''SUICIDIO'' DI MAFIA

Viterbo, ore 11:00 del 12 febb...

LIBRI IN PRIMO PIANO

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



assedio-alla-toga-web
Nino Di Matteo e Loris Mazzetti

ASSEDIO ALLA TOGA

Un magistrato tra mafia, politica e Stato



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta