Mar08042015

Last update07:56:26

Back Home Mafie News Cosa Nostra Processo Dell'Utri: la Corte dice no all'audizione di Berlusconi

Processo Dell'Utri: la Corte dice no all'audizione di Berlusconi

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

dellutri-berlusconi-big0di Monica Centofante - 26 luglio 2012
No all'audizione di Silvio Berlusconi al processo d'appello contro il senatore Marcello Dell'Utri, imputato di concorso esterno in associazione mafiosa. E no alle altre richiesta del Pg Guido Patronaggio che puntava a fare luce sulle tante zone d'ombra che caratterizzano la nascita di Forza Italia e il ruolo dell'imputato negli anni bui delle stragi e delle trattative tra lo Stato e Cosa Nostra.

Lo ha deciso ieri la Corte d'Appello presieduta da Raimondo Lo Forti attenendosi ai criteri fissati dalla Corte di Cassazione che lo scorso 9 marzo ha annullato con rinvio la prima sentenza d'appello con la quale il politico del Pdl era stato condannato a 7 anni di reclusione. La deposizione di Berlusconi, si legge nel'ordinanza dei giudici, "non appare né indispensabile né tantomeno decisiva". I soldi versati negli anni a Cosa Nostra, gli attentati subiti, i rapporti con l'imputato e le ragioni della presenza di Vittorio Mangano nella villa di Arcore, sottolineano i giudici, "risultano infatti assolutamente comprovati nel processo, avendone riferito i numerosi collaboratori di giustizia e, in parte, lo stesso Dell'Utri, nonché emergendo da talune conversazioni oggetto di intercettazioni". Superfluo, quindi, ascoltare l'ex premier sottolineano i giudici che rigettano anche la richiesta di audizione dei collaboratori di giustizia Di Carlo, Ganci, Anzelmo, Ferrante, Galliano e Cucuzza oltre che l'acquisizione di una serie di documenti. Tra questi la conversazione intercettata tra Massimo Ciancimino e la sorella Luciana, nella quale i due interlocutori fanno riferimento ad un assegno di 35 milioni di lire dell'onorevole Berlusconi custodito "nella vecchia carpetta di papà". E tutte le intercettazioni effettuate nel procedimento nei confronti del boss Vito Roberto Palazzolo, della sorella Maria Rosaria Palazzolo e dell'imprenditrice milanese Daniela Palli, che avrebbe aiutato l'uomo d'onore, allora latitante, a stabilire un contatto con il senatore con il probabile intento di risolvere i suoi problemi giudiziari.
Accolta invece la richiesta di riaprire il dibattimento per ascoltare Giovanni Salvatore Scilabra, l'ex direttore della Banca Popolare di Palermo, che ha raccontato di aver ricevuto nel 1987 una visita di Vito Ciancimino e Marcello Dell’Utri, i quali gli avrebbero chiesto, senza riuscire ad ottenerlo, un prestito di 20 miliardi delle vecchie lire per le aziende di Silvio Berlusconi. Le circostanze sulle quali Scilabra dovrebbe deporre, ha decretato la Corte, sono "effettivamente indispensabili perché eventualmente dimostrative di rapporti personali ed interessi riferibili all'imputato nel contesto temporale di interesse".
Ammessa anche una nuova audizione del collaboratore di giustizia Giovanni Brusca, ma solo per i fatti antecedenti al 1992.
Il processo è stato rinviato al 3 ottobre.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Sebastiano Ardita

CATANIA BENE

C'è un modello alternativo a...

Giulietto Chiesa

È ARRIVATA LA BUFERA

All’indomani dei tragici fat...

Gabriele Paradisi, Rosario Priore

LA STRAGE DIMENTICATA

Una strage impunita, una strag...

Francesco Vitale, Piero Melati

VIVI DA MORIRE

Palermo, a metà degli anni '8...

Rita Di Giovacchino

STRAGI

Introduzione di Luca Tescaroli...

Marco Travaglio

SLURP

Ecco perché l’Italia non è...

Simona Della Croce

IO SONO PEPPINO

Peppino Impastato è oggi uno ...

Stefania Pipitone

''L'ORA'' DELLE BATTAGLIE

La storia di un glorioso giorn...

LIBRI IN PRIMO PIANO

collusi-lppNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.