Sab04192014

Last update09:25:56

Back Home Opinioni Politica Il caso Mancino e la richiesta di Salvatore Borsellino

Il caso Mancino e la richiesta di Salvatore Borsellino

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

tranfaglia-n-c-firrarello-webdi Nicola Tranfaglia - 25 luglio 2012
Quel che sta succedendo nella politica italiana sul problema delle ultime trattative tra mafia e Stato (altre ce ne sono state ed è impossibile negarle nella nostra storia plurisecolare) è di sicuro preoccupante per tutti quelli che considerano la costituzione repubblicana un documento fondamentale e imprescindibile per una politica democratica e trasparente.

Due valori che non si possono mettere da parte nel nostro paese dopo quello che è successo tutte le volte (e sono state molte, come è noto) che nel settantennio repubblicano si è tentato di mettere da parte i principi della Carta del 1948 e procedere con la logica del più forte che ha sempre ragione e del debole che deve esser sempre oppresso dalle così dette ragioni di Stato. Chi si è occupato di storia della mafia o dei tentativi di colpo di stato ricorrenti dopo il 1945 non riesce a dimenticare il ripresentarsi di una logica così ottusa e troppe volte al centro dell’azione di apparati dello Stato, e a volte anche di una parte rilevante delle nostre classi dirigenti.
Quel che emerge con sempre maggior chiarezza dal caso Mancino è il fatto che le telefonate tra il consigliere giuridico del Capo dello Stato D’Ambrosio e l’ex presidente del Senato (che ora per fortuna non dovrebbero andar distrutte se la memoria del fratello di Paolo Borsellino sarà accolta dai giudici di Caltanissetta) contengono (o almeno è possibile, che contengano da quello che già sappiamo) notizie importanti e significative su quello che è successo nell’anno fatale delle stragi - il 1992 - tra parlamento e governo dell’epoca e Cosa Nostra, a proposito delle richieste di quest’ultima alle istituzioni politiche italiane per stipulare una tregua nella lotta contro la criminalità organizzata in cambio di precise concessioni. E che proprio Mancino, con altri politici del tempo, tra i quali l’ex ministro della Giustizia Conso, possa esser  stato il protagonista, o uno dei protagonisti di uno scambio nel quale sarebbero entrati - non si sa ancora in quale momento - altri personaggi politici di vario colore. E  qui fatalmente il pensiero va all’altra inchiesta in corso a Palermo sul passaggio di milioni di euro tra l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e il senatore Marcello Dell’Utri.
Qui siamo, naturalmente, di fronte ancora a mere ipotesi che richiedono una documentazione, che oggi è ancora inaccessibile.
Ma alcuni elementi significativi emergono già dai dati a disposizione e mi limito qui ad elencarli in attesa che lo svolgimento dei processi in corso possa apportare elementi di novità su una materia troppo importante per il nostro paese da restare segreta o essere distrutta pregiudizialmente. In questo senso l’appello che sentiamo di rivolgere, e che vorremmo che  anche altri soggetti potrebbero indirizzare al parlamento.
Il primo punto è che la richiesta di Salvatore Borsellino di conservare e far consultare alle parti interessate le telefonate del 1992 è sacrosanta e merita di esser sostenuta da tutti i mezzi di comunicazioni autonomi e indipendenti.
Il secondo è che l’eventuale (e oggi ipotizzabile) solidarietà tra esponenti di forze politiche diverse e magari divergenti per salvare i protagonisti del patto tra mafia e Stato negli ultimi venti anni sarebbe grave e inaccettabile se si vuole effettivamente salvare i principi della costituzione repubblicana.
Il terzo è che gli italiani hanno diritto di sapere che cosa è veramente successo e chiedono che i processi in corso vadano avanti e si concludano in tempi accettabili.
Da questo punto di vista, ed è l’ultimo aspetto da segnalare, una situazione politica come quella attuale non appare la più adatta a garantire le condizioni richieste.

Foto © Samuele Firrarello

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Riccardo Guido, Sergio Riccardi

SALVO E LE MAFIE

Salvo, ragazzino palermitano, ...

Alex Zanotelli

SOLDI E VANGELO

Lettura attualizzata e sferzan...

Francesca Viscone

LA GLOBALIZZAZIONE DELLE CATTIVE IDEE

I meridionali sono tutti mafio...

Maria Antonietta Calabrò

LE MANI DELLA MAFIA

Trent'anni di silenzi, mancate...

Luciano Mirone

UN ''SUICIDIO'' DI MAFIA

Viterbo, ore 11:00 del 12 febb...

Paolo De Chiara

IL VELENO DEL MOLISE

Servivano le dichiarazioni del...

Caterina Chinnici

E' COSI' LIEVE IL TUO BACIO SULLA FRONTE

Il 29 luglio 1983 la mafia fa ...

Agnese Piraino Borsellino, Salvo Palazzolo

TI RACCONTERO' TUTTE LE STORIE CHE POTRO'

In quei giorni ero contesa da ...

Pietro Grasso

LEZIONI DI MAFIA

Descrizione di "LEZIONI DI MAF...

Enza Galluccio

IL BOATO

Un percorso storico-politico c...

LIBRI IN PRIMO PIANO

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



assedio-alla-toga-web
Nino Di Matteo e Loris Mazzetti

ASSEDIO ALLA TOGA

Un magistrato tra mafia, politica e Stato



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta