Mer10222014

Last update09:16:26

19 luglio 1992-19 luglio 2012, vent'anni dopo

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

falcone-borsellino-lenzuolo-webOggi a distanza di venti anni dall'uccisione dei giudici Paolo Borsellino e Giovanni Falcone e delle loro scorte e dalla conseguente distruzione del pool antimafia sono giunto alla considerazione che forse queste tragiche morti non siano state vane.

Sono rimasto meravigliato, quando ho incominciato a conoscere questa brutale realtà, di come può agire l'essere umano quando è spinto dalla violenza e dalla paura. Perché penso che del pool, la mafia ha avuto paura.

Gli assassini che hanno fermato fisicamente questi Uomini non sono riusciti a fermare le loro idee di giustizia e di verità. Capisco anche perché la gente ha paura di denunciare le continue minacce e i violenti soprusi subiti, perché la mafia usa sistemi che mettono a repentaglio la loro vita e quella dei propri figli, ma penso che non ci si debba fermare all'idea che la mafia “non esiste”. Invece c'è, e lascia inconfondibili segni di degrado nella società.

Noi oggi ricordiamo con grande affetto questi grandi Uomini evidentemente perché, nonostante le loro morti, la mafia non è riuscita a spegnere la forza delle loro idee che oggi ancora siamo felici di condividere.

In questo giorno il mio pensiero va anche a tutte le persone che continuano con il loro lavoro, il loro impegno e il loro coraggio in ogni campo, a portare avanti le idee di giustizia e di onestà verso il nostro futuro: dalla magistratura alle forze dell'ordine, dai giornalisti agli scrittori, fino agli insegnanti.

Sento di esprimere un commosso grazie a Paolo, Giovanni e a tutti quelli che delle proprie idee ne fanno un prezioso lavoro, quale contributo fondamentale della nostra società e che noi giovani abbiamo il dovere di portare avanti tramite la realizzazione delle nostre vite, in qualsiasi campo, senza lasciare spazi alla rassegnazione.

Matteo, 12 anni

“La mafia è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine”
Giovanni Falcone

“La lotta alla mafia deve essere innanzi tutto un movimento culturale e morale che coinvolga tutti”
Paolo Borsellino

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Mangiapane Stefania

BOUCHE DE LA LOI?

23 giugno 1992, un mese dopo l...

Antonio Gerardo D'Errico, Jorge Real

RAPINATORE PER GIOCO

Il giocatore d'azzardo esprime...

Salvatore Battaglia

POESIE

Giunge alla V verione “Poesi...

Michele Del Gaudio

VANGELO E COSTITUZIONE

«Quando mi chiedono se credo ...

Giuseppe Trimarchi

CALABRIA RIBELLE

Tre donne e quattro uomini cal...

Mario Almerighi

LA STORIA SI E' FERMATA

Dai primi anni in magistratura...

Nando dalla Chiesa

MANIFESTO ANTIMAFIA

È ora di mettere a frutto cio...

Alex Corlazzoli

GITA IN PIANURA

Gita in pianura è un libro ch...

Marco Travaglio

E' STATO LA MAFIA

“Perché avvelenarci il fega...

Carlo Ruta

PIO LA TORRE LEGISLATORE CONTRO LA MAFIA

L’impegno parlamentare di Pi...

LIBRI IN PRIMO PIANO

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



assedio-alla-toga-web
Nino Di Matteo e Loris Mazzetti

ASSEDIO ALLA TOGA

Un magistrato tra mafia, politica e Stato



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta