Gio07022015

Last update07:50:24

Back Home Ci vediamo a... Eventi 20 anni in Memoria di Rita... - dal 21 al 28 luglio

20 anni in Memoria di Rita... - dal 21 al 28 luglio

  • PDF
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

rita-atria.webCara Rita, avevi solo 17 anni ma avevi capito tutto...... e avevi deciso da che parte stare, senza se e senza ma... da 18 anni, noi proviamo a fare Memoria della tua storia senza considerarti né una eroina, né una santa... eri solo una ragazza NORMALE che amava vivere senza compromessi e senza catene.

Grazie Rita... dopo 20 anni a Partanna è nato un Presidio dell'Ass. Antimafie "Rita Atria". Ragazzi che fanno Memoria di te attraverso l'azione quotidiana tentando di risvegliare le coscienze... questo è il nostro modo di ricordarti...

Partanna (TP) vai all'evento su facebook

PROGRAMMA
Sabato 21 luglio: dalle ore 21 Piazza Falcone e Borsellino
Banchetto di legalità a cura del presidio partannese dell’Associazione Antimafie Rita Atria. Divulgazione delle iniziative di prossima realizzazione del presidio neo costituito dai giovani compaesani della testimone.

Giovedì 26 luglio:
ore 10.30 Cimitero comunale Momento di “Memoria Viva”.
Omaggio a Rita Atria, alla presenza dei giovani partannesi e dell’Associazione Antimafie Rita Atria, con la partecipazione di Pino Maniaci (TeleJato), Michela Buscemi, testimone di giustizia e Graziella Proto, direttrice di Casablanca. Lettura di stralci tratti dalle memorie di Rita.

ore 19 "Il filo che unisce".
Collegamento telefonico con viale Amelia, approdo ultimo della giovane vita spezzata di Rita Atria, dove il presidio romano dell’associazione ne celebrerà in contemporanea il ricordo.

Roma, 26 luglio, ore 19.00 Viale Amelia; vai all'evento su facebook


Monasterace
(RC) 28 luglio: Leggi il documento politico

 

Il nostro concetto di Memoria:

“ricordare non basta. Memoria è un ricordo "attivo" che vuole comprendere i meccanismi, le cause e dunque le ragioni che determinarono una storia, e sa rileggerle nel presente per capirne le "mutazioni" e le mimetizzazioni nelle forme nuove in cui quella stessa violenza torna e tornerà ad esercitarsi. Forme diverse sempre più evolute e sofisticate. E' dunque solo la Memoria a dare senso al proprio impegno per costruire un futuro in cui si possa sperare che quella violenza non torni a mostrarsi, con volti diversi ma la con medesime atrocità, per il nostro passivo ed ignaro consenso.

Perdere "la Memoria storica" ci rende estranei a noi stessi, incapaci di riconoscere le nostre radici, di capire il nostro presente, di costruire un qualsiasi futuro.”

Fare Memoria di Rita Atria dunque significa innanzitutto ricordare le cause che l’hanno portata a togliersi la vita e non solo esaltarne il gesto forte della Testimonianza e della rottura con la propria famiglia. Sarebbe facile, rientrerebbe nella solita prassi ormai consueta che si limita al necrologio” da strumentalizzare, e tanti ne vediamo purtroppo di questi “eventi”.

Per rimanere informati iscrivetevi al nostro gruppo: https://www.facebook.com/groups/ritaatria/

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Rita Di Giovacchino

STRAGI

Introduzione di Luca Tescaroli...

Marco Travaglio

SLURP

Ecco perché l’Italia non è...

Simona Della Croce

IO SONO PEPPINO

Peppino Impastato è oggi uno ...

Stefania Pipitone

''L'ORA'' DELLE BATTAGLIE

La storia di un glorioso giorn...

ATTACCO ALL'UCRAINA

Un punto di vista fuori dal co...

Giulio Milani

LA TERRA BIANCA

Mattina del 17 luglio del 1988...

Nino Di Matteo, Salvo Palazzolo

COLLUSI

Da oltre vent’anni Nino Di M...

Giuseppe Iannini, Simone Di Meo

SOLDATESSA DEL CALIFFATO

Il mondo (sottosopra) del terr...

LIBRI IN PRIMO PIANO

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.