Ven04182014

Last update04:07:07

Back Home Mafie News Focus Pignatone lancia l'allarme sulla mafia a Roma

Pignatone lancia l'allarme sulla mafia a Roma

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

pignatone-giuseppe"C'è un accordo tacito tra i clan"
di AMDuemila - 13 luglio 2012

Roma. "Su Roma c'è un accordo tacito tra le grandi organizzazioni mafiose per evitare atti di violenza". A dare l'allarme è il procuratore della Repubblica di Roma, Giuseppe Pignatone, intervenuto agli Stati generali della legalità di Cgil Roma e Lazio. "Nella capitale c'é spazio per tutti - ha spiegato Pignatone - e quindi meglio non attirare l'attenzione delle forze dell'ordine e della magistratura e non creare allarme sociale".

Ma a preoccupare di più il procuratore è la 'quantita' immensa di denaro che la criminalità organizzata riesce a muovere attraverso l'economia: soldi sporchi reinvestiti direttamente sul territorio romano. "La città di Roma - ha aggiunto - vede crescere esponenzialmente la massa di denaro di dubbia origine che viene reinvestita sul territorio. A Roma esistono imponenti fenomeni di evasione fiscale, criminilità economica e frodi, e si osserva una lunga serie di grandi fallimenti che muovono quantità immense di denaro: su questo non c'é consapevolezza di quanto sia importante contrastare il fenomeno". Ad unirsi alle parole del procuratore anche il prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro: "Nella capitale non c'é controllo militare da parte delle associazioni mafiose ma esiste una criminalità economica" ed aggiunge che "la speculazione edilizia è stata una delle cause che ha favorito il dilagare della criminalità". Per la Cgil "è la crisi che preparerebbe il terreno alla mafie". "Nel Lazio siamo passati dall'infiltrazione delle mafie al radicamento" - ha detto il segretario della Cgil Roma-Lazio Claudio Di Berardino. Secondo il sindacalista alla base dell'economia criminale ci sarebbero riciclaggio, bancarotta, usura.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Riccardo Guido, Sergio Riccardi

SALVO E LE MAFIE

Salvo, ragazzino palermitano, ...

Alex Zanotelli

SOLDI E VANGELO

Lettura attualizzata e sferzan...

Francesca Viscone

LA GLOBALIZZAZIONE DELLE CATTIVE IDEE

I meridionali sono tutti mafio...

Maria Antonietta Calabrò

LE MANI DELLA MAFIA

Trent'anni di silenzi, mancate...

Luciano Mirone

UN ''SUICIDIO'' DI MAFIA

Viterbo, ore 11:00 del 12 febb...

Paolo De Chiara

IL VELENO DEL MOLISE

Servivano le dichiarazioni del...

Caterina Chinnici

E' COSI' LIEVE IL TUO BACIO SULLA FRONTE

Il 29 luglio 1983 la mafia fa ...

Agnese Piraino Borsellino, Salvo Palazzolo

TI RACCONTERO' TUTTE LE STORIE CHE POTRO'

In quei giorni ero contesa da ...

Pietro Grasso

LEZIONI DI MAFIA

Descrizione di "LEZIONI DI MAF...

Enza Galluccio

IL BOATO

Un percorso storico-politico c...

LIBRI IN PRIMO PIANO

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



assedio-alla-toga-web
Nino Di Matteo e Loris Mazzetti

ASSEDIO ALLA TOGA

Un magistrato tra mafia, politica e Stato



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta