Sab12202014

Last update07:43:05

La caduta

  • PDF
Valutazione attuale: / 43
ScarsoOttimo 

scalfari-eugenio-bigdi Giorgio Bongiovanni - 10 luglio 2012
Sono tali e tante le assurdità scritte da Eugenio Scalfari sui magistrati di Palermo e sulle intercettazioni tra Mancino e D’Ambrosio da stentare a credere che le abbia firmate davvero il fondatore di Repubblica. Anche perché le critiche non sono solo al Fatto Quotidiano, ma anche ai suoi stessi giornalisti che, invece, hanno riportato i fatti e tratto le loro conclusioni come sempre puntualmente fanno.
Scrive Attilio Bolzoni, grande cronista “antimafia” tra i maggiori esperti nella questione trattativa: “Che cos’è l’inchiesta sulla trattativa dei magistrati di Palermo? È lo Stato che processa se stesso. È lo Stato che si guarda dentro, che si autoaccusa di colpe gravi, che si riconosce traditore per avere patteggiato con il nemico. È tutto così semplice e tutto così complicato che vent’anni dopo c’è ancora un’Italia che ha paura.
 Non è solo un affare di mafia. È soprattutto un affare di Stato. Dove i protagonisti non sono quei boss delle borgate ma ministri dell’Interno e ministri della Giustizia, capi di governo, funzionari di alto rango, forse anche ex Presidenti della Repubblica che hanno subito ricatti per proteggere la Nazione.
 L’alta tensione di questi giorni – con il Quirinale trascinato nel gorgo di polemiche incandescenti – è la dimostrazione che non siamo ancora in grado di sopportare certe verità”.

E cosa fa il fondatore di uno dei maggiori giornali del nostro Paese, invece di spalleggiare i propri cronisti e difendere il diritto di cronaca e critica?
Si rende ridicolo ignorando palesemente le più elementari norme giudiziarie in materia di intercettazioni, tanto da provocare la reazione quasi imbarazzata del procuratore capo di Palermo, Messineo e si lancia in una campagna protezionista delle presunte “ragioni di Stato”.
Sarà forse l’età avanzata, o sarà forse che il signor Scalfari, milionario in doppio petto, si è scordato che i giornalisti dovrebbero essere la spina nel fianco dei potenti e non andare a braccetto con capi dello stato e lobbisti di ogni genere e tipo?
Ci sorprende il silenzio di Ezio Mauro, rigoroso direttore di Repubblica che avrebbe potuto difendere almeno i suoi giornalisti dai vaneggiamenti di Scalfari.
E’ ormai evidente che le indagini della procura di Palermo sul biennio stragista stanno toccando i nervi scoperti di quello che a ragione Bolzoni chiama un “affare di Stato” visto che sono stati chiamati al bombardamento indiscriminato contro i pm tutti i presunti intellettuali dei maggiori quotidiani, e dal tenore degli interventi di questi palloni gonfiati si capisce bene perché il livello intellettuale della nostra povera Italia è così ridotto.
La gente però oggi sa leggere, è stufa degli arzigogoli dei vari azzeccagarbugli, vuole la verità sulle stragi e non vuole piangere altri martiri.
Se proprio Scalfari non ce la fa a informarsi con la concorrenza, si legga gli articoli dei suoi cronisti palermitani, faccia un omaggio alla memoria di D’Avanzo e invece di scrivere supponenti boiate, si legga Bolzoni.

ARTICOLI CORRELATI

Francesco Messineo: “Infondate le critiche di Scalfari” - di AMDuemila

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Piergiorgio Di Cara

CAMMINA, STRONZO

Cammina, stronzo. Sbirri a Pal...

Salvatore Battaglia

POESIE

Giunge alla V verione “Poesi...

Lidia Undiemi

IL RICATTO DEI MERCATI

«Non si può fare altrimenti....

Letizia Battaglia

DIARIO

Letizia Battaglia è la più f...

Giacomo Panizza

LA MAFIA SUL COLLO

La legalità, banco di prova d...

Andrea Meccia

MEDIAMAFIA

Dopo lunghi decenni di silenzi...

I.M.D.

LA CATTURANDI

Il consuntivo dell’attività...

Salvo Vitale

CENTO PASSI ANCORA

Pagine di un diario scritte da...

Vincenzo Imperatore

IO SO E HO LE PROVE

L’autore svela tutti i trucc...

Giuseppe Carlo Marino, Pietro Scaglione

L'ALTRA RESISTENZA

La prima parte del volume cont...

LIBRI IN PRIMO PIANO

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



assedio-alla-toga-web
Nino Di Matteo e Loris Mazzetti

ASSEDIO ALLA TOGA

Un magistrato tra mafia, politica e Stato



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta