Gio10302014

Last update03:48:13

La caduta

  • PDF
Valutazione attuale: / 43
ScarsoOttimo 

scalfari-eugenio-bigdi Giorgio Bongiovanni - 10 luglio 2012
Sono tali e tante le assurdità scritte da Eugenio Scalfari sui magistrati di Palermo e sulle intercettazioni tra Mancino e D’Ambrosio da stentare a credere che le abbia firmate davvero il fondatore di Repubblica. Anche perché le critiche non sono solo al Fatto Quotidiano, ma anche ai suoi stessi giornalisti che, invece, hanno riportato i fatti e tratto le loro conclusioni come sempre puntualmente fanno.
Scrive Attilio Bolzoni, grande cronista “antimafia” tra i maggiori esperti nella questione trattativa: “Che cos’è l’inchiesta sulla trattativa dei magistrati di Palermo? È lo Stato che processa se stesso. È lo Stato che si guarda dentro, che si autoaccusa di colpe gravi, che si riconosce traditore per avere patteggiato con il nemico. È tutto così semplice e tutto così complicato che vent’anni dopo c’è ancora un’Italia che ha paura.
 Non è solo un affare di mafia. È soprattutto un affare di Stato. Dove i protagonisti non sono quei boss delle borgate ma ministri dell’Interno e ministri della Giustizia, capi di governo, funzionari di alto rango, forse anche ex Presidenti della Repubblica che hanno subito ricatti per proteggere la Nazione.
 L’alta tensione di questi giorni – con il Quirinale trascinato nel gorgo di polemiche incandescenti – è la dimostrazione che non siamo ancora in grado di sopportare certe verità”.

E cosa fa il fondatore di uno dei maggiori giornali del nostro Paese, invece di spalleggiare i propri cronisti e difendere il diritto di cronaca e critica?
Si rende ridicolo ignorando palesemente le più elementari norme giudiziarie in materia di intercettazioni, tanto da provocare la reazione quasi imbarazzata del procuratore capo di Palermo, Messineo e si lancia in una campagna protezionista delle presunte “ragioni di Stato”.
Sarà forse l’età avanzata, o sarà forse che il signor Scalfari, milionario in doppio petto, si è scordato che i giornalisti dovrebbero essere la spina nel fianco dei potenti e non andare a braccetto con capi dello stato e lobbisti di ogni genere e tipo?
Ci sorprende il silenzio di Ezio Mauro, rigoroso direttore di Repubblica che avrebbe potuto difendere almeno i suoi giornalisti dai vaneggiamenti di Scalfari.
E’ ormai evidente che le indagini della procura di Palermo sul biennio stragista stanno toccando i nervi scoperti di quello che a ragione Bolzoni chiama un “affare di Stato” visto che sono stati chiamati al bombardamento indiscriminato contro i pm tutti i presunti intellettuali dei maggiori quotidiani, e dal tenore degli interventi di questi palloni gonfiati si capisce bene perché il livello intellettuale della nostra povera Italia è così ridotto.
La gente però oggi sa leggere, è stufa degli arzigogoli dei vari azzeccagarbugli, vuole la verità sulle stragi e non vuole piangere altri martiri.
Se proprio Scalfari non ce la fa a informarsi con la concorrenza, si legga gli articoli dei suoi cronisti palermitani, faccia un omaggio alla memoria di D’Avanzo e invece di scrivere supponenti boiate, si legga Bolzoni.

ARTICOLI CORRELATI

Francesco Messineo: “Infondate le critiche di Scalfari” - di AMDuemila

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Stefania Mangiapane

BOUCHE DE LA LOI?

23 GIUGNO 1992, un mese dopo&n...

Antonio Gerardo D'Errico, Jorge Real

RAPINATORE PER GIOCO

Il giocatore d'azzardo esprime...

Salvatore Battaglia

POESIE

Giunge alla V verione “Poesi...

Michele Del Gaudio

VANGELO E COSTITUZIONE

«Quando mi chiedono se credo ...

Giuseppe Trimarchi

CALABRIA RIBELLE

Tre donne e quattro uomini cal...

Mario Almerighi

LA STORIA SI E' FERMATA

Dai primi anni in magistratura...

Nando dalla Chiesa

MANIFESTO ANTIMAFIA

È ora di mettere a frutto cio...

Alex Corlazzoli

GITA IN PIANURA

Gita in pianura è un libro ch...

Marco Travaglio

E' STATO LA MAFIA

“Perché avvelenarci il fega...

Carlo Ruta

PIO LA TORRE LEGISLATORE CONTRO LA MAFIA

L’impegno parlamentare di Pi...

LIBRI IN PRIMO PIANO

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



assedio-alla-toga-web
Nino Di Matteo e Loris Mazzetti

ASSEDIO ALLA TOGA

Un magistrato tra mafia, politica e Stato



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta