Gio07242014

Last update05:18:23

Back Home Ci vediamo a... Libri Presentazione del libro "Palermo" - 5 luglio

Presentazione del libro "Palermo" - 5 luglio

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

palermo ingroiaGiovedì 5 luglio 2012Antonio Ingroia presenta il suo nuovo libro "Palermo. Gli splendori e le miserie. L’eroismo e la viltà", alle ore 18, presso Libreria Kursaal Kalhesa, Foro Umberto, 21 (Palermo), interverranno assieme all'autore Leoluca Orlando e Nando dalla Chiesa

Si intitola “Palermo” il nuovo libro di Antonio Ingroia. Con un sottotitolo che ne svela subito l’anima tormentata: “Gli splendori e le miserie. L’eroismo e la viltà” (Melampo editore). Il magistrato palermitano lo presenterà nella sua città giovedì 5 luglio alla Libreria Kursaal Kalhesa, alle ore 18 in Foro Umberto I n. 21. Ne parleranno con lui due protagonisti della "primavera siciliana": il sindaco Leoluca Orlando e Nando dalla Chiesa.

Questa volta il magistrato antimafia va oltre la sua storia professionale, oltre la memoria dei suoi maestri, di cui pure si avverte nelle 176 pagine una traccia profondissima. Va oltre i delitti e le stragi. E ragiona sul ruolo di Palermo nelle vicende d’Italia, sulle tinte “cariche”, come dice lui, di una storia sempre sospesa fra la tragedia e la speranza. Dove passano seminando morte i poteri illegali della nazione ma dove si trovano anche gli slanci più generosi, le profezie di libertà o di una nuova moralità pubblica.
Palermo protagonista nella difficile, improba partita giocata dal paese “contro” o “per” la vittoria del principio di legalità. Traspare nel libro anche l’Italia che Ingroia incontra nei suoi viaggi, nei dibattiti, nelle scuole, per trarne accenti di speranza, per comunicarci un Paese che in televisione non si vede ma che ha una sua specifica e crescente vitalità. Non più solo il sud che si occupa di mafia ma anche il nord, non più solo le scuole ma tutte le generazioni, non più solo domande da spettatori-tifosi ma interrogativi e richieste da aspiranti giocatori.
“Palermo” è però anche un concentrato di emozioni e di ricordi che affondano nell’adolescenza e nella giovinezza e che illuminano il rapporto intensissimo che questo magistrato perennemente sotto attacco e pubblico ministero in processi cruciali (da Contrada a Dell’Utri) ha stabilito con la sua città, i suoi colori e le sue contraddizioni. I ricordi di studente universitario, di frequentatore dei cineforum, del jazz e del centro Peppino Impastato, danno un senso più radicale e profondo alla sua scelta di servitore della legge, di “partigiano della Costituzione” - come ama chiamarsi - in quel luogo di dolore e di rivolta. Un luogo che da qualche settimana sente il vento di una nuova stagione di speranza.

Per info: 0916167630

 

Le prime righe.
«Palermo. Qualcuno si potrebbe chiedere perché io oggi senta l’esigenza di parlarne, di raccontarla.
Di raccontarmi, anche, dentro la sua vicenda. Rispondo che ci sono forti ragioni personali e storico-politiche che mi spingono a farlo. Personali anzitutto. Perché Palermo è la città nella quale ho speso tutta la mia vita, prima da studente e poi da magistrato. Perché è stata, è teatro della sfida più complicata, la sfida suprema mia e di tanti altri siciliani, quella contro la mafia. Perché qui ho visto morire i miei maestri. In una città che ha intrecciato con una naturalezza drammatica le mie ansie e le mie speranze professionali e civili».

L'autore.
Antonio Ingroia, magistrato, è nato a Palermo nel 1959. Nel 2009 è stato nominato procuratore aggiunto alla Procura distrettuale antimafia della sua città. Allievo di Paolo Borsellino e Giovanni Falcone, dal 1993 ha lavorato a fianco di Gian Carlo Caselli, conducendo numerosi processi su Cosa nostra e sui suoi rapporti con il mondo della politica e dell’economia. Diventato un importante pubblico ministero antimafia, si è occupato di noti casi giudiziari: dal sequestro De Mauro all’omicidio Rostagno, dal caso Contrada ai processi Dell’Utri e Mori. Ha pubblicato vari libri: L’associazione di tipo mafioso (1993), L’eredità scomoda (2001, coautore Gian Carlo Caselli), C’era una volta l’intercettazione (2009), Nel labirinto degli dèi (2010).

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Antonio G. D’Errico

CAMORRA

Un ritratto spietato e crudo d...

Carlo Ruta, Jean-François Gayraud

COLLETTI CRIMINALI

La «mano invisibile», regola...

Salvatore Mugno

QUANDO FALCONE INCONTRÒ LA MAFIA

“Mi sono fatto le ossa a Tra...

Corrado De Rosa

LA MENTE NERA

Aldo Semerari. Tra i più impo...

Anna Vinci

LA P2 NEI DIARI SEGRETI DI TINA ANSELMI

"Torniamo ai fatti."  Edmund...

Riccardo Guido, Sergio Riccardi

SALVO E LE MAFIE

Salvo, ragazzino palermitano, ...

Alex Zanotelli

SOLDI E VANGELO

Lettura attualizzata e sferzan...

Francesca Viscone

LA GLOBALIZZAZIONE DELLE CATTIVE IDEE

I meridionali sono tutti mafio...

Maria Antonietta Calabrò

LE MANI DELLA MAFIA

Trent'anni di silenzi, mancate...

Luciano Mirone

UN ''SUICIDIO'' DI MAFIA

Viterbo, ore 11:00 del 12 febb...

LIBRI IN PRIMO PIANO

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



assedio-alla-toga-web
Nino Di Matteo e Loris Mazzetti

ASSEDIO ALLA TOGA

Un magistrato tra mafia, politica e Stato



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta