Dom10262014

Last update11:17:53

Back Home Mandanti Occulti Sentenza Dell'Utri, Di Matteo sul Pg: "Gravi le affermazioni sul concorso esterno"

Sentenza Dell'Utri, Di Matteo sul Pg: "Gravi le affermazioni sul concorso esterno"

  • PDF
Valutazione attuale: / 25
ScarsoOttimo 

di-matteo-nino-big0di AMDuemila - 10 marzo 2012
“Se è vero, come hanno riportato gli organi di stampa, che ieri, in occasione del processo contro Marcello Dell’Utri, il sostituto procuratore generale della Cassazione ha parlato del concorso esterno in associazione mafiosa come di un reato a cui non crede più nessuno, allora saremmo in presenza di una affermazione gravissima e irresponsabile”. Con queste parole il sostituto procuratore di Palermo Nino Di Matteo è intervenuto alla presentazione del libroLa Colpa, come è perché siamo arrivati alla notte della Repubblica”, scritto dallo storico Nicola Tranfaglia e dalla caporedattrice di Antimafia Duemila Anna Petrozzi.

“Con queste parole – ha proseguito Di Matteo - si riporterebbero, nella lotta alla mafia, le lancette del tempo indietro a 30 anni fa. Non solo. Queste affermazioni delegittimano in partenza centinaia di indagini e processi che si stanno celebrando in Italia per quel reato e vanno contro condanne definitive che concorrenti esterni alla mafia stanno scontando nelle patrie galere perché ritenuti colpevoli”.
Affermazione “gravissima e irresponsabile”, ha sottolineato nuovamente Di Matteo, “perché quelle parole, se sono state pronunciate, sono state pronunciate a proposito di uno strumento giuridico che per primi avevano applicato Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Uno strumento, il concorso esterno in associazione mafiosa, che è un’arma fondamentale per reprimere il male delle collusioni  tra la mafia, l'imprenditoria, la politica e le istituzioni. L'unico strumento che permetterebbe il vero e definitivo salto di qualità nel contrasto alla criminalità organizzata. A meno che non ci si voglia convincere che la lotta alla mafia sia solo la repressione degli aspetti militari e non la lotta contro ben più gravi forme di collusione”.
In risposta alla domanda del moderatore, Nicola Biondo, di Matteo ha a sua volta chiesto: “E’ più colpevole un magistrato che si dichiara partigiano della Costituzione – che il Csm ha giudicato in un certo modo - o un altro magistrato che con le sue affermazioni sostanzialmente ridicolizza un istituto giuridico e delegittima i processi e perfino le condanne che ne sono derivate?”
“Parlare chiaro – ha concluso - è sempre rischioso, ma è un dovere, anche nei confronti delle vittime della mafia e dei parenti di quelle vittime, presenti anche questa sera in quest’aula”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Stefania Mangiapane

BOUCHE DE LA LOI?

23 GIUGNO 1992, un mese dopo&n...

Antonio Gerardo D'Errico, Jorge Real

RAPINATORE PER GIOCO

Il giocatore d'azzardo esprime...

Salvatore Battaglia

POESIE

Giunge alla V verione “Poesi...

Michele Del Gaudio

VANGELO E COSTITUZIONE

«Quando mi chiedono se credo ...

Giuseppe Trimarchi

CALABRIA RIBELLE

Tre donne e quattro uomini cal...

Mario Almerighi

LA STORIA SI E' FERMATA

Dai primi anni in magistratura...

Nando dalla Chiesa

MANIFESTO ANTIMAFIA

È ora di mettere a frutto cio...

Alex Corlazzoli

GITA IN PIANURA

Gita in pianura è un libro ch...

Marco Travaglio

E' STATO LA MAFIA

“Perché avvelenarci il fega...

Carlo Ruta

PIO LA TORRE LEGISLATORE CONTRO LA MAFIA

L’impegno parlamentare di Pi...

LIBRI IN PRIMO PIANO

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



assedio-alla-toga-web
Nino Di Matteo e Loris Mazzetti

ASSEDIO ALLA TOGA

Un magistrato tra mafia, politica e Stato



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta