Dom04202014

Last update01:01:49

L'ultima verita'

  • PDF
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 

cop68-bigLEGGI L'ARTICOLO COMPLETO NELL'ULTIMO NUMERO GIA' DISPONIBILE IN PDF!
Un depistaggio di Stato dietro la richiesta di revisione del processo per la strage di via D'Amelio?

di Lorenzo Baldo - 17 febbraio 2012
I principali protagonisti delle vecchie e nuove indagini sulla strage di via D'Amelio si ritrovano uno dopo l'altro nelle pagine della richiesta di revisione dei processi "Borsellino uno" e "Borsellino bis". A partire da Salvatore Candura che per primo accusa Vincenzo Scarantino di essere colui che lo ha incaricato di rubare la fiat 126 convertita in autobomba.

Nelle carte dei magistrati nisseni si susseguono le dichiarazioni del pentito Fabio Tranchina che indica Giuseppe Graviano come colui che, nascosto in un giardino dietro un muretto in fondo a via D'Amelio, avrebbe premuto il telecomando collegato all'autobomba. In base alla ricostruzione di Tranchina e ad altre prove raccolte dagli investigatori cade quindi la pista del Castello Utveggio quale possibile luogo dal quale i killer di Borsellino avrebbero premuto il telecomando. Al posto del castello torna sotto i riflettori la pista del palazzo dei fratelli Graziano, situato di fronte a via D'Amelio, dalla cui terrazza il mafioso di Brancaccio, Fifetto Cannella, avrebbe avvisato Giuseppe Graviano dell'arrivo di Borsellino. La figura del boss di Brancaccio e dei suoi collegamenti con Forza Italia viene passata ai raggi X dagli investigatori al pari di quella di Arnaldo La Barbera (deceduto nel 2002), allora capo del pool che investigava sulla strage di via D'Amelio. Contro di lui e contro altri tre componenti della sua squadra si scagliano oggi Scarantino e i suoi due compari Candura e Andriotta che li accusano di violenze e pressioni per obbligarli a recitare una parte all'interno di una pista già prestabilita. L'ultima versione del picciotto della Guadagna e dei suoi compari di sventura, scaturita dopo le rivelazioni di Gaspare Spatuzza, riapre gli scenari su possibili depistaggi istituzionali già presenti nelle stragi di Stato che hanno insanguinato il nostro Paese. Siamo di fronte ad una regia occulta capace di scrivere il copione che è stato fatto leggere a Candura, Scarantino e Andriotta? A quali ordini ha obbedito Arnaldo La Barbera, alias "Rutilius" (nome in codice ai tempi della sua collaborazione con i Servizi), quando lui e i suoi uomini impartivano "lezioni" a Scarantino e compagni? Dal canto suo Vincenzo Scarantino ha riferito negli anni una quantità di bugie che sono crollate miseramente con l'avvento di Gaspare Spatuzza. Ma altresì ha saputo fornire elementi veritieri, successivamente confermati dai nuovi collaboratori. Secondo quale strategia si è deciso quali notizie "confidenziali" dovevano essere messe in bocca a Scarantino, Candura e Andriotta? Alcune di queste dovevano essere veritiere, altre invece erano destinate a sbriciolarsi. Un grave errore o un rischio da correre sull'altare di una "ragione di Stato" figlia di una "trattativa" tra mafia e istituzioni vigente da decenni? E soprattutto quale "trattativa" è stata intuita da Paolo Borsellino al punto che la sua scoperta ha accelerato il programma del suo omicidio? Al momento le indagini sulla strage di via D'Amelio proseguono. Ma anche questa volta è una lotta contro il tempo. Contro l'oblio che incombe sulla fragile memoria del nostro Paese. Indifferente e complice a tanti crimini commessi.

Segue sul n. 68 di ANTIMAFIADuemila

ACQUISTA IL NUMERO IN PDF ADESSO! CLICCA QUI!

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Riccardo Guido, Sergio Riccardi

SALVO E LE MAFIE

Salvo, ragazzino palermitano, ...

Alex Zanotelli

SOLDI E VANGELO

Lettura attualizzata e sferzan...

Francesca Viscone

LA GLOBALIZZAZIONE DELLE CATTIVE IDEE

I meridionali sono tutti mafio...

Maria Antonietta Calabrò

LE MANI DELLA MAFIA

Trent'anni di silenzi, mancate...

Luciano Mirone

UN ''SUICIDIO'' DI MAFIA

Viterbo, ore 11:00 del 12 febb...

Paolo De Chiara

IL VELENO DEL MOLISE

Servivano le dichiarazioni del...

Caterina Chinnici

E' COSI' LIEVE IL TUO BACIO SULLA FRONTE

Il 29 luglio 1983 la mafia fa ...

Agnese Piraino Borsellino, Salvo Palazzolo

TI RACCONTERO' TUTTE LE STORIE CHE POTRO'

In quei giorni ero contesa da ...

Pietro Grasso

LEZIONI DI MAFIA

Descrizione di "LEZIONI DI MAF...

Enza Galluccio

IL BOATO

Un percorso storico-politico c...

LIBRI IN PRIMO PIANO

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



assedio-alla-toga-web
Nino Di Matteo e Loris Mazzetti

ASSEDIO ALLA TOGA

Un magistrato tra mafia, politica e Stato



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta