Mer05272015

Last update11:15:14

Back Home Ci vediamo a... Eventi "Per non dimenticare... il senso di un impegno chiamato legalità" - 18 febbraio

"Per non dimenticare... il senso di un impegno chiamato legalità" - 18 febbraio

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

impastato-giuseppe-bigSabato 18 febbraio alle ore 9 presso il piazzale del campo Sportivo di Aragona si terrà l'"Intitolazione del piazzale antistante la palestra comunale a Peppino Impastato, vittima di mafia" alla quale seguirà un corteo lungo la via principale che si concluderà in Piazza Umberto I.




Interverranno

Giovanni Impastato, fratello di Peppino

Alfonso Tedesco, sindaco di Aragona

Dott. G. Butera, dirigente della scuola elementare

Dott. Giacomo Buscemi, dirigente dell'Istituto comprensivo V.E.Orlando

I bambini della scuola elementare e media

I ragazzi del liceo classico Empedocle di Agrigento

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Giulio Milani

LA TERRA BIANCA

Mattina del 17 luglio del 1988...

Nino Di Matteo, Salvo Palazzolo

COLLUSI

Da oltre vent’anni Nino Di M...

Giuseppe Iannini, Simone Di Meo

SOLDATESSA DEL CALIFFATO

Il mondo (sottosopra) del terr...

Riccardo Arena

ANCHE OGGI NON MI HA SPARATO NESSUNO

Un romanzo per raccontare il p...

Franco La Torre

SULLE GINOCCHIA

Nella lunga storia della lotta...

Sandro Provvisionato, Stefania Limiti

COMPLICI

Dopo quarant'anni, quattro pro...

Nando dalla Chiesa

LA SCELTA LIBERA

«Un movimento composto di piu...

Antonio Nicaso, Nicola Gratteri

ORO BIANCO

Fino agli anni Novanta, la coc...

LIBRI IN PRIMO PIANO

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta