Lun08032015

Last update08:07:08

Back Home Ci vediamo a... Eventi "Per non dimenticare... il senso di un impegno chiamato legalità" - 18 febbraio

"Per non dimenticare... il senso di un impegno chiamato legalità" - 18 febbraio

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

impastato-giuseppe-bigSabato 18 febbraio alle ore 9 presso il piazzale del campo Sportivo di Aragona si terrà l'"Intitolazione del piazzale antistante la palestra comunale a Peppino Impastato, vittima di mafia" alla quale seguirà un corteo lungo la via principale che si concluderà in Piazza Umberto I.




Interverranno

Giovanni Impastato, fratello di Peppino

Alfonso Tedesco, sindaco di Aragona

Dott. G. Butera, dirigente della scuola elementare

Dott. Giacomo Buscemi, dirigente dell'Istituto comprensivo V.E.Orlando

I bambini della scuola elementare e media

I ragazzi del liceo classico Empedocle di Agrigento

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Giulietto Chiesa

È ARRIVATA LA BUFERA

All’indomani dei tragici fat...

Gabriele Paradisi, Rosario Priore

LA STRAGE DIMENTICATA

Una strage impunita, una strag...

Francesco Vitale, Piero Melati

VIVI DA MORIRE

Palermo, a metà degli anni '8...

Rita Di Giovacchino

STRAGI

Introduzione di Luca Tescaroli...

Marco Travaglio

SLURP

Ecco perché l’Italia non è...

Simona Della Croce

IO SONO PEPPINO

Peppino Impastato è oggi uno ...

Stefania Pipitone

''L'ORA'' DELLE BATTAGLIE

La storia di un glorioso giorn...

ATTACCO ALL'UCRAINA

Un punto di vista fuori dal co...

LIBRI IN PRIMO PIANO

collusi-lppNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.