Mer11262014

Last update08:20:40

Back Rubriche Nicola Tranfaglia E l'incubo rischia di durare ancora

E l'incubo rischia di durare ancora

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

di Nicola Tranfaglia - 21 febbraio 2011
Incomincio a pensare che non c'è più nulla da fare per guadagnare gli avversari politici che seguono le prese di posizione di Silvio Berlusconi, attuale presidente del Consiglio, ai valori della costituzione repubblicana e delle leggi ancora vigenti.


Certo, quello che succede nelle ultime settimane dimostra con grande chiarezza che chi siede oggi in parlamento è molto sensibile agli argomenti di cui si avvale in maniera disinvolta il capo del governo: il denaro, la promessa di una nuova candidatura o meglio nomina diretta, la direzione di un teatro o di un ente pubblico.
Il gruppo senatoriale di Futuro e Libertà si è già sfaldato, scendendo sotto il numero minimo di dieci. E le defezioni alla Camera si succedono a ritmo serrato: con spiegazioni del voltafaccia che oscillano tra il ridicolo e il grottesco.
Da Barbareschi che, da ottimo attore, si era addirittura commosso al raduno di Mirabello e che ora si sente deluso da Fini, al piemontese  Roberto Rosso che era con Berlusconi dal 1994 e soltanto ora scopre che può perseguire meglio il suo fantomatico liberalismo ritornando sotto le ali accoglienti del Caimano.

Non è il caso di parlare di comiche e tanto meno di comiche finali. Qui siamo al giudizio storico e politico impietoso
su personaggi di scarso o nullo livello etico e culturale.
Chi ha occasione qualche volta di andare fuori d’Italia per lavoro o per diporto è regolarmente preso in giro dagli abitanti degli altri stati europei e occidentali che assistono a una commedia di bassa lega, degna di un paese che definire in declino è ancora troppo poco.
Ma quel che preoccupa chi ha ancora passione per l’Italia (di cui sto raccontando, in molte città del Sud e del Nord la storia ormai lunga di cento cinquant’anni ) è soprattutto il fatto che il presidente del Consiglio parla quasi esclusivamente dei fatti suoi e, in nulla e per nulla, degli italiani.
Appena ha un microfono o una telecamera che lo inquadra -il che accade spesso essendo proprietario di tre canali commerciali e molto presente nella televisione pubblica -Silvio Berlusconi parla di giustizia: del progetto in quindici giorni di riformare la Corte Costituzionale, di attuare il processo breve, di punire i pubblici ministeri, di eliminare quel contropotere costituito a suo avviso da troppi magistrati. 
C’è da avere paura perché l’attuazione di un simile programma, se riuscirà a farlo, togliere alla nostra costituzione i contrappesi necessari per limitare il potere esecutivo e distruggere completamente quello stato di diritto che i costituenti disegnarono dopo vent’anni di fascismo per garantire all’Italia risorta dalla dittatura le regole necessarie a una vita civile moderna e democratica.
Siamo arrivati ormai a uno scontro finale tra il populismo autoritario che Berlusconi è riuscito a proporre e in parte a realizzare durante i suoi anni di governo e un’opposizione che appare ancora incerta e divisa per questioni personali o di gruppo.
Né purtroppo l’opposizione, sempre frammentata,  ha ancora spiegato agli italiani che attendono su quale piattaforma programmatica vuole convincerli ad abbandonare Berlusconi e a sostituirlo al governo della cosa pubblica. E l’incubo rischia di durare ancora.

Se B. attacca i Guadiani della Costituzione - di Domenico Gallo / Nessun bavaglio alla nostra Costituzione - di Domenico Petrolo / In piazza contro tutti i bavagli e per la Costituzione. Se non ora quando? - di Giuseppe GiuliettiTutti con tutti. Sabato 12 marzo, giornata di orgoglio costituzionale - di Stefano Corradino / Dal Comitato per la libertà e il diritto all’informazione, si a una grande iniziativa per la Costituzione- di Fulvio Fammoni

Appuntamenti: mercoledì 23 febbraio direttivo di Articolo21 allargato alle associazioni che stanno promuovendo la manifestazione nazionale per il 12 marzo prossimo. Appuntamento  alle 13:30 presso la Sala Poli in via Poli 13 

UNA DONAZIONE: CONTRIBUISCI ALLA MANIFESTAZIONE NAZIONALE A DIFESA DELLA COSTITUZIONE


Tratto da:
articolo21.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Letizia Battaglia

DIARIO

Letizia Battaglia è la più f...

Giacomo Panizza

LA MAFIA SUL COLLO

La legalità, banco di prova d...

Andrea Meccia

MEDIAMAFIA

Dopo lunghi decenni di silenzi...

I.M.D.

LA CATTURANDI

Il consuntivo dell’attività...

Salvo Vitale

CENTO PASSI ANCORA

Pagine di un diario scritte da...

Vincenzo Imperatore

IO SO E HO LE PROVE

L’autore svela tutti i trucc...

Giuseppe Carlo Marino, Pietro Scaglione

L'ALTRA RESISTENZA

La prima parte del volume cont...

Stefania Mangiapane

BOUCHE DE LA LOI?

23 GIUGNO 1992, un mese dopo&n...

Antonio Gerardo D'Errico, Jorge Real

RAPINATORE PER GIOCO

Il giocatore d'azzardo esprime...

Salvatore Battaglia

POESIE

Giunge alla V verione “Poesi...

LIBRI IN PRIMO PIANO

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



assedio-alla-toga-web
Nino Di Matteo e Loris Mazzetti

ASSEDIO ALLA TOGA

Un magistrato tra mafia, politica e Stato



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta