Sab05302015

Last update07:54:35

Le parole di Manfredi Borsellino

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 



La vicenda umana e giudiziaria che in queste ore sta vivendo il Sacerdote Giuseppe Bucaro, indipendentemente dagli esiti processuali che riserverà, suggerisce una considerazione di fondo: vivere a Palermo è molto difficile ma lo è maggiormente quando si ricoprono determinati ruoli.
Ritengo che il presiedere o dirigere un Centro, o comunque un’istituzione che prenda il nome di una qualsiasi vittima della criminalità organizzata, si chiami Paolo Borsellino o Claudio Domino, comporti enormi responsabilità ma soprattutto imponga una condotta esemplare, scevra da qualsiasi condizionamento esterno ed improntata alla massima trasparenza.
E’ evidente che tutti ci auguriamo che il sacerdote esca limpido dall’intera vicenda giudiziaria, ce lo auguriamo noi familiari di Paolo Borsellino che abbiamo riposto la nostra fiducia sul suo operato, ma se lo augura l’intera collettività ed in particolare gli operatori del centro che hanno con lui condiviso l’attività e le iniziative ivi svolte.
Seguire l’opera e l’esempio di nostro padre per noi significa essenzialmente vivere nel rispetto assoluto delle leggi morali, credere ed ispirarsi ai valori dell’onestà, della trasparenza e del rispetto delle istituzioni, sacrificando se del caso amicizie e legami di ogni genere con persone che non si ispirino ai medesimi principi.
Non bisogna avere paura, soprattutto in questa città, di non intrattenere rapporti con uomini di potere, con persone importanti o denarosi, poiché è agli occhi di tutti che la c.d. Palermo bene, la Palermo dei circoli, la Palermo dei salotti buoni è inquinata, e lo è da tempo, da quando gli stessi rappresentanti delle istituzioni frequentavano, e purtroppo frequentano tuttora, persone sospette, chiacchierate o addirittura già destinatarie di inchieste giudiziarie.
La vicenda di Padre Giuseppe Bucaro sotto questo profilo si rivela esemplare, ci insegna come a Palermo, ma non solo a Palermo, bisogna avere, si deve avere il coraggio di evitare o troncare amicizie, frequentazioni o semplici contatti con persone importanti o altolocate  chiacchierate da cui si possono trarre favori più o meno leciti, si deve avere la forza di rinunciare a coltivare rapporti con persone che nel tempo hanno intrapreso un’altra strada, la strada della contiguità e della complicità, come diceva mio padre, con il malaffare e la delinquenza in genere.
Questo è ciò che mio padre ha insegnato, la sua stessa vita è stata, anche e soprattutto per il suo lavoro, una continua rinuncia, una rinuncia ai divertimenti, alla vita mondana e ad amicizie risalenti ai tempi della scuola o dell’università con persone che egli stesso si è ritrovato ad indagare e perseguire anche per fatti molto gravi.
Ribadisco che, qualsiasi sia l’esito di questa vicenda processuale o di altre analoghe, i fatti di questi giorni impongono una riflessione: chiunque, ma soprattutto coloro che operano nel nome di persone che hanno sacrificato la loro stessa vita per una società migliore, ha l’obbligo morale prima ancora che giuridico di evitare rapporti occasionali o saltuari con personaggi discussi e discutibili, non già solo per rispetto dei martiri che non ci sono più, ma altresì per rispetto verso se stessi.
   
Manfredi Borsellino



ANTIMAFIADuemila N°43

Le recensioni di AntimafiaDuemila

Giulio Milani

LA TERRA BIANCA

Mattina del 17 luglio del 1988...

Nino Di Matteo, Salvo Palazzolo

COLLUSI

Da oltre vent’anni Nino Di M...

Giuseppe Iannini, Simone Di Meo

SOLDATESSA DEL CALIFFATO

Il mondo (sottosopra) del terr...

Riccardo Arena

ANCHE OGGI NON MI HA SPARATO NESSUNO

Un romanzo per raccontare il p...

Franco La Torre

SULLE GINOCCHIA

Nella lunga storia della lotta...

Sandro Provvisionato, Stefania Limiti

COMPLICI

Dopo quarant'anni, quattro pro...

Nando dalla Chiesa

LA SCELTA LIBERA

«Un movimento composto di piu...

Antonio Nicaso, Nicola Gratteri

ORO BIANCO

Fino agli anni Novanta, la coc...

LIBRI IN PRIMO PIANO

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta